Se i veri forti sono i fragili

Scritti da | Post

I fragili insegnano. Insegnano la forza di trovare soluzioni insieme, per una “città di tutte le persone”.
“A scuola dai fragili” era il titolo di un incontro promosso da “Reggio Emilia – Città senza barriere” con Graziano Delrio alla Polveriera. Fragili come i bambini con diagnosi di disabilità gravi e le loro famiglie, forti come una rete di persone, che volontariamente e con grande energia, parenti, ragazzi, amici e sostenitori, affrontano il tema del superamento delle barriere, fisiche e metafisiche, che separano le diversità di tutti.
“Oggi sono stato a scuola da fragili che sono diventati forti” è quello che ha detto Graziano Delrio dopo aver ascoltato il racconto di Annalisa Rabitti, promotrice dell’esperienza, e tutte le testimonianze che sono seguite. In questa rete, dal basso, la diversità è un punto di vista privilegiato, etico e culturale.
“E’ stato forse l’incontro politico più importante che ho fatto in questi anni” ha commentato Delrio.
“E’ un atto di generosità verso la comunità, lavorare così tanto bene per noi. Voi offrite uno sguardo diverso. Prendersi cura delle persone è la chiave della nostra convivenza. ‘Cura’ significa sguardo, apri gli occhi, ci sono anche io, e ‘politica’ significa usciamo insieme dai problemi. Abbiamo bisogno di uscire dalle nostre paure, ma anziché rabbia qui ho trovato sogni. Il bene ha una forza contagiosa. Sappiatelo, che siete forti, siete i nuovi patrioti della Costituzione, fatevi conoscere da tutti”.
Il governo uscente ha fatto diversi passi per il sostegno dei fragili, con il rifinanziamento del fondo per la non autosufficienza, che era stato dimezzato, la legge sul Dopo di Noi, la legge sul Terzo Settore, da ultimo il rifinanziamento, dopo quasi 15 anni, della legge sull’abbattimento delle barriere architettoniche negli edifici privati. C’è ancora molto da fare, soprattutto sul “durante noi”, come è stato ricordato nell’incontro e condiviso da Delrio.
Per conoscere Città senza barriere www.cittasenzabarriere.re.it

Ultima modifica: 19 febbraio 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *